Essere figlia unica

Me lo chiedono tutti se ho una sorella o un fratello… no, sono figlia unica, o – come amo dire io – sono unica nella mia specie, e il mondo ringrazia per questo!

Io sono figlia unica per diversi motivi… innanzitutto perchè quando ero un bebè non mangiavo e dormivo di giorno e non di notte. Dopo questa esperienza i miei hanno pensato che fosse più saggio terminare la riproduzione dei geni famigliari. Poi ci sono poi andata vicino qualche anno dopo, ma non è andata bene. Ho un ricordo nitido di una giornata di cielo azzurro terso, con la neve di sfondo, avrò avuto 5 anni, ero a Bardonecchia e stavo andando a sciare quando ho capito che la mamma era incinta… poi però le ho attaccato la rosolia e lei ha preso la giusta decisione di interrompere il tutto. Sarà stata una bimba o un bimbo? non lo sapremo mai.

E’ una presenza che è sempre mancata nella mia vita e a cui ho sempre rivolto i miei pensieri. Come sarei adesso con quella creaturina al mio fianco?

 

geddes-anne-sunflower-trio-6600037.jpg

Sono cresciuta principessa della casa. Per fortuna i miei, mi hanno sempre fatto frequentare tanti altri bambini e così non sono diventata troppo egoista o viziata (solo un po’…). Appena ho avuto l’età della ragione, però, ho sempre pensato che mi sarebbe piaciuto avere un fratello o una sorella. A 16 anni, ovviamente, sognavo un fratello maggiore, che mi aiutasse con i “tremendi” problemi dell’adolescenza e che mi facesse uscire la sera con lui. E, invece, tutto quello che ho ottenuto l’ho sudato, eccome!!

Io non so come sia avere un fratello o una sorella, ma so che poche amiche scelte sono per me come delle sorelle. E guarda caso sono quasi tutte figlie uniche. Alcune di loro le vedo spesso, altre le vedo meno, però sono loro quelle su cui metterei la mano sul fuoco, quelle che ci sono quando sclero, quelle che gioiscono con me, mi cazziano, ma alla fine mi accettano per quella che sono e io non posso far altro che essere felice di averle nella mia vita. Vi voglio bene…