Dolcetto o scherzetto???

Halloween (corrispondente alla vigilia della festa cristiana di Ognissanti) è il nome di una festa popolare di origine pre-cristiana ora tipicamente americana e canadese. Tuttavia le sue origini antichissime affondano nel più remoto passato delle tradizioni europee: viene fatta infatti risalire al 4000 a.C. quando le popolazioni tribali usavano dividere l’anno in due parti in base alla transumanza del bestiame. Nel periodo fra ottobre e novembre la terra si prepara all’inverno ed era necessario – allora come adesso – ricoverare il bestiame in luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza alla stagione fredda: è questo il periodo di Halloween.  

halloween.jpg

È usanza ad Halloween intagliare zucche con volti minacciosi e porvi una candela accesa all’interno.

Questa usanza nasce dall’idea che i defunti vaghino per la terra con dei fuochi in mano e cerchino di portare via con sé i vivi (in realtà questi fuochi sono i fuochi fatui, causati dalla materia in decomposizione sulle sponde delle paludi); è bene quindi che i vivi si muniscano di una faccia orripilante con un lume dentro per ingannare i morti. Questa usanza fa riferimento anche alle streghe che nei tempi più remoti venivano bruciate sui roghi o impiccate,infatti oggi si pensa che queste vaghino nell’oscurità della notte per rivendicare la loro morte(conciate in maniera orrenda o meno) e ne approfittano per usare il loro potere ad Halloween dove quest’ultimo aumenta in misura maggiore rispetto alla loro “normale” paranormalità. L’usanza è tipicamente americana, ma probabilmente deriva da tradizioni importate da immigrati europei: l’uso di zucche o, più spesso in Europa, di fantocci rappresentanti streghe,di rape vuote illuminate, è documentato anche in alcune località del Piemonte, della Campania, del Friuli (dove si chiamano Crepis o Musons), dell’Emilia-Romagna, dell’alto Lazio e della Toscana (dove la zucca svuotata era nota nella cultura contadina con il nome di zozzo).

NOI STREGHE PROFUMIERE, PERSONALMENTE, FESTEGGEREMO LA NOSTRA SERATA AL “TABATA”…

Baci a tutti, ci aggiorniamo a lunedì…

Tabata…

si ricomincia con la stagione invernale… e con il Tabata

Leti… siamo pronte????

innanzitutto Halloween party il 31/10 eppooooi apertura della stagione invernale l’1-2-3/11…

Trentenni # parte 2°

Vi riporto un brano tratto dal blog Trentasenza… che invito ad andare a leggere… può far riflettere molto!!

e due link da visitare:

Teorema sulle trentenni – parte prima

Teorema sulle trentenni – parte seconda

Chissà se qualcuno si ritrova… io e Letizia, quando lo leggeremo insieme, ci faremo di certo grandi risate!!! 

Venerdì sera. Squilla il telefono:è Gigi. Alle 22 ha appuntamento al solito pub con Paolo, Stefano e tutti gli altri del gruppo storico per una serata tra amici. Invita anche me. Rido. Rispondo che non ho voglia delle solite “rimpatriate sfigate tra amici” composta da soli uomini, chiacchiere a sfondo sessuale e birra. Avrei avuto di meglio da fare. Il sabato prima, infatti, ad una festa in collina avevo conosciuto, grazie all’intraprendenza avuta da vari intrugli alcoolici, una tipa anche abbastanza figa. Se la tenessero per loro la serata sfigata. Alle 22 in punto mi becco con la tipa. Una tardona trentacinquenne con corpetto leopardato, minigonna tigrata, stivali pitonati. Insomma, uno zoo in libera uscita. Mi propone un locale modaiolo: “il trend house”. La tipa merita, è una bella donna accessoriata di tette labbra rifatte. Il locale invece è una caricatura di tutti gli archetipi fighetti: finto arredamento essenziale, gotan project in sottofondo, prezzi astronomici. Lei prende come da prassi un mojto, io un cola e rhum. Spendo 30 euro per queste due consumazioni, ma sto giocando una partita e devo rischiare. Emilia (questo il nome della tardona) ostenta una palese erre moscia fasulla. Mi infastidisce ma la scollatura lenisce questo senso di malessere. Inizia a decantare il locale asserendo che si “sta tranquilli” perché è “ un bell’ambiente con bella gente”. Mi guardo intorno e vedo che la bella gente ha l’aria triste, lo stesso taglio di capelli e il pulloverino sulle spalle.” Ci sediamo sul divano.a questa distanza mi accorgo di certe aratrate intorno agli occhi che il fondotinta non è riuscito a coprire. Racconta divertita di certe sue serate fighe a club esclusivi grazie ai suoi giri di amicizie, di vacanze fatte con amiche a capoverde per provare il fascino dell’uomo esotico, delle riunioni con queste ultime a casa sua per vedersi sex in the city. Dopo mezz’ ora a chiacchierare con lei sono in piena elefantiasi ma non demordo in fondo la serata è appena cominciata e potrebbe avere dei piacevoli sviluppi. Lei è affetta da una terribile logorrea e non mi lascia parola.,mi racconta conoscenze di posticini “in” dove poter mangiare bene, di non aver nulla da invidiare alle ventenni per vita sociale, che gli uomini della sua età sono tutti vecchi (anche se non vogliono ammetterlo).Intanto ordina ancora da bere.( ci credo, per quanto parla avrà la bocca secca). Ricontinua a raccontare, in ordine: viaggio a Sharm, il suo amore per il lavoro di manager, del suo capodanno a Cortina, di stare incredibilmente bene come single e di godersi la vita. Al quinto mohito getta clamorosamente la maschera e le viene una ciucca depressiva. Mi vomita quarantanni di problemi addosso asserendo di essere sola, triste e senza un uomo. Le dico che devo andare un attimo in bagno. Entro. Osservo che proprio sulla tazza c’è una piccola finestra. Forse riesco a passarci. Riesco. Corro via, libero. Libero dalla tardona, dai problemi, dai suoi racconti di vita vissuta negli ambienti in. Corro via, felice, lasciandola sola in quel locale che lei tanto ama. Corro via veloce, felice di raggiungere gli altri, per una sana, piacevole, vecchia rimpatriata sfigata tra amici.

venerdì…

Sarà la ventesima volta oggi che conto prima di scoppiare… 1, 2, 3 , 4, 5… frency, calma, frency…

Oggi mi sono svegliata tutto sommato in fretta, vabbè che ieri sera sono andata via poco dopo le due… poco dopo un mini assaggio del rientro alla Rotonda. Mini ma mi è bastato. Dovrei stare a casa il venerdì per gustarmi la serata… e non è detto che la prossima non lo faccia. Avrei bevuto ancora e avrei ballato ancora… ma ad un certo punto mi è proprio scattato qlcsa che non andava e ancora non capisco cosa. Anche l’ultima volta che sono stata alla Rotonda era andata così. E’ come se poi una strana sensazione mi assalisse, come se non riuscissi ad essere me stessa e desiderassi di scappare altrove… forse ho anche capito. Al Cacao me la cavavo meglio.

Poi sono scesa in garage e ho trovato il classico coglione amico del vicino che pur di non cercare park fuori ha piazzato la sua auto bella bella davanti al box del mio vicino… come se le corsie di manovra fossero sovradimensionate. E mi guardava. Poi mi dice “vuole che la sposti?” la mia risposta, certo poco cortese, è stata: ” non si preoccupi, ho già fatto 40 manovre, a questo punto 41 o 42 non mi cambia la vita, tanto, a questo punto, sono in ritardo” e tra me e me, pensavo… “se mi fai arrivare in ritardo, stronzo, ti emetto una fattura con i fiocchi lunedì… bastardo…” Così si inizia proprio male… parto alle 8.10 e magicamente alle 8.29 e 45 secondi sono sotto l’ufficio… una vera botta di culo e un paio di semafori un po’ rossi!!!

Meno male che a pranzo io e Caterina ci siamo consolate con un po’ di shopping, a dire il vero poco compulsivo. Ma con affare… ci siamo prese due maglioncini uguali, perchè se ne prendevi due il secondo lo pagavi solo 1€… e noi abbiamo il senso degli affari!!

Così sono qui in studio che guardo il pc, tiro due linee, rispondo ad una telefonata un po’ scazzata, leggo la mail, giro tra i blog amici, mi taglio un paio di doppie punte scordate li dalla parrucchiera… e aspetto le 18.30… intanto tento di digerire completamente il kebab del pranzo, sognando quasi una bottiglia di coca…

Poi partenza, Bardonecchia ovviamente… stasera seratina tranquilla e si spera domani di fare un po’ di festa. Con la Lety, la Vale… e gli altri. Che dici Vale… ce la cantiamo: Solitario nella notte và , se lo incontri gran paura fa, il suo volto ha la maschera, Tigre …”

Domani doccia solare, pomeriggio da Vico, e poter dire, cosa hai fatto questo we? Niente!!! Ah, no, già, ho chiamato la donna delle pulizie… perchè io non ne avevo proprio voglia!!

Chiuso per ferie!!!

Buone vacanze…

domani è l’ultimo giorno. ma in realtà dopo la consegna di oggi alle 15.00, posso considerare conclusa per la settimana e il mese e anche il mese successivo la mia attività lavorativa… 😉

Chiedo scusa se in questi gg sono stata poco presente, ma credo di non aver mai lavorato tanto. Mando un abbraccio e un bacio affettuoso a tutti quelli che mi leggono tutti i giorni, siete la forza del mio blog. Esiste per voi. I vostri contributi sono sempre un piacere.

Vi saluto fino al 3 settembre… chissà se da oggi a settembre la mia vita cambierà? So solo che le vacanze non iniziano con lo stato d’animo giusto. Eppure le avevo tanto aspettate. Sono un po’ a pezzi…   😦

Che dire… magari farò poco la Profumiera quest’estate e chissà se è vero che chiodo scaccia chiodo???

Bacio a tutti

SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK !!!!!!!!!!!!

P.S. per chi mi vuole venire a trovare la casina di Bardonecchia è sempre aperta per gli amici… salvo sporadiche visite in Costa Azzurra!

Come le palline di gomma

Questo è l’ultimo lunedì di sveglia torturante. Dal prossimo sono in vacanza. Vacanza, riposo, divertimento, ore piccole, sole, me stessa, le mie amiche… Già mi assaporo il tutto. Oggi sono svuotata. E un po’arrabbiata. Però stanotte ho dormito ben 5 ore, quindi va bene. Sono scesa con velocità costante 160 km/h. Fuori di 60. Affanculo i velox. Avessi avuto l’Hummer sarei passata sopra qualcosa/qualcuno. Perchè è brutta la sensazione di sentirsi schiacciati e non poter mai ricambiare. Questione di carattere. E io patisco gli sbalzi di felicità. E’ come lo sbalzo di pressione: sfiori le stelle e dopo poco rasenti il fango per terra. Ieri osservavo un distributore di palline di gomma. Quelle che rimbalzano e schizzano senza controllo da tutte le parti. Ho come l’impressione che la mia mente sia come una pallina di gomma che rimbalza tra quattro mura, tra le cose e le persone. Come se fosse capace di accelerare senza motivo per poi fermarsi all’istante. Il mio cervello va dal rallenty alla multa per eccesso di velocità. O al ritiro della patente, nei casi. E il più delle volte ad innescare le marce non sono io. …Vabbè, infondo è adrenalina pura… ma c’è di meglio.
Nel complesso bel we, forse. Innanzitutto venerdì ho passato una bella serata. Le sensazioni correvano veloci. Mi sentivo ricca di sentimenti. Felice. Completa. La pallina aveva iniziato a schizzare verso l’alto a velocità supersonica. Credo di avere avuto gli occhi lucidi e luccicanti. Il sabato la pallina ha iniziato a rimbalzare a destra e sinistra, ma a velocità moderatamente ridotta. Le profumiere sono andate a magiare pesce. La compagnia divertente. Il fatto che in Osteria ci fosse un po’ più di gente rispetto all’altra settimana, rendeva la serata molto simile a quelle di quest’inverno. Bei ricordi. Sempre più lontani. Ero proprio sbronza. Ma ce l’ho fatta a portare me, Lely e la macchina a casa. Domenica cerchio alla testa. Ma tanto sole. Un pomeriggio intero da Vico. Di nuovo la pallina è schizzata verso l’alto. Sembrava potesse toccare le stelle. Sensazioni fortissime. Poi aperitivo. Realizzare di essere stata veramente una stronza. Si può fare di meglio nei rapporti interpersonali. Saper soppesare e rispettare le persone. Specie quelle che con me c’entrano solo indirettamente. Nella serata, la pallina, che dalle stelle aveva iniziato a scendere rimbalzando a destra e a sinistra, si è schiantata a terra.  Calma piatta. Mi sono un po’ rotta. Un po’ o alla stragrande? Ma nel senso che così non va. Va bene e male allo stesso tempo. Le mie stupide reazioni mi dicono che dovrei tanto farmi i cazzi miei. Siccome, in fondo, non devo rendere conto a nessuno, potrei pensare di iniziare a farlo…

p.s. tanto si sa che continuerò a “fare la brava” anche se non dovrei rendere conto a nessuno…

Anticipo chi mi scriverà sull’argomento… lo so, il lunedì è così… Ma in fondo non sono cattiva… è che mi disegnano così.

 

che giornata…

Ma è possibile che piova così tanto? stamattina la terza posizione del tergicristallo non mi bastava più, buttavo l’acqua a destra e a sinistra a litri. E poi si sa che a Torino quando piove la gente è ancora meno capace a muoversi nel traffico. Quante volte avrei voluto suonare il clacson e dire “muooooviti”.. e invece no: ero molto zen, tranquilla. Ho alzato un po’ il volume dell’autoradio e canticchiato..

Ok che eravamo in piena crisi siccità, ma così saltiamo direttamente all’alluvione! e poi il bel colore che avevo preso al lago di Embrun si sta sbiadendo. Giuro che questo we se piove vado a farmi una lampada! E poi sabato e domenica c’è il Bardonecchia bike festival 2007… speriamo che il tempo sia clemente.

Oggi sono proprio felice, forse perchè la vita non mi scivola addosso, ma me la vivo. e mi diverto. A proposito di divertimenti, oggi è giovedì? Cacao??? naaa… solo se mi danno pinne e boccaglio… Rotonda??? idem, non è che mi piaccia più tanto… per chi è in ascolto, si accettano proposte valide.

Che ridere gli oroscopi oggi… non ci credo, ma ultimamente ci azzeccano sempre…

Quanti pasticci. che novità.. Alcuni amici in coppia sono in rotta di collisione, ormai tutte le coppie di miei amici sono rotte…in ufficio c’è chi fa il drammatico per un cedimento dei nervi, solo oggi, o anche ieri!!! che scena… la persona che ami tende a ingigantire ogni piccolo intoppo. qui non è per me. Nervi saldi, viva i tuoi equilibrati piatti bilancini. Non accettare inviti che ti fanno rientrare tardi, devi rilassarti e recuperare il sonno. ok niente locali stasera… Serata invitante per i single, Venere regala incontri strabilianti. ah, ho capito non è che non devo andare in giro per locali stasera, devo solo tornare presto…

Dovrai stare attenta ad evitare di commettere errori nei confronti di una persona alla quale tieni molto. ah, bhe tanto ci siamo abituati, di errori ne commettiamo tutte le volte… sarebbe quasi da stupirsi del contrario. In ambito affettivo, se saprai incuriosirlo, lo conquisterai e inizierai una bella relazione e qui evito ogni commento!

Ah oggi è giovedì e i negozi del centro sono aperti…. scarpe P. e borsina L.V. ???