Nevica!!!

BARDONECCHIA

 cam56.jpg

SANGIACOMO

 senza-nome.jpg

 Nevica…. sono troppo felice, ieri ho preso le gomme invernali… un bello spreco se penso che tra sei mesi dovrei cambiare la macchina!  😉   E se penso che non le monterò mai sulla 500… ma sì… scialiamo, finchè ce n’è!

Auguro a tutti un bianco we… pensatemi stasera in viaggio! Almeno non dovrò fermarmi a mettere le catene…

Vi bacio e vi penserò quando farò foto ai bei paesaggi invernali! 😀

Smack smack smack smack! :-*

Cervello? assente!

ommioddio mi è successo di nuovo…

traffico.jpg

Sensazione bruttissima: sei in macchina. Ricordo nitido quando esci di casa, chiudi il garage e parti.  Successivo ricordo nitido: passaggio davanti alle Molinette… attraverso il ponte e mi chiedo: cosa è successo nel frattempo, nei circa 5 km che separano casa e ufficio?? Semafori, strisce pedonali, precedenze…

Mah… non è la prima volta che mi succede, e non sono l’unica a cui capita…

Ma la cosa che mi angoscia di più è l’abitudine, il gesto meccanico, ripetuto senza aver ragionato. Il non averci messo cervello… Aver lasciato che il tempo e lo spazio mi scorressero addosso senza aver fatto il minimo gesto per esserne padrona. Veramente snervante.

Vorrei andare…

Vorrei andare a Parigi…

lal-027paris-posters.jpg

Salirei in macchina adesso e partirei. Manco da troppo tempo nella mia città preferita, quella che conosco meglio, quella che mi fa battere il cuore. E’ bello il viaggio per andare a Parigi. Quando attraversi tutta la Francia e con l’autostrada segui l’andamento collinare della campagna. E sali e scendi. E curvi a destra e a sinistra. Se vai d’estate è un tripudio di girasoli e papaveri. E poi è grande la campagna francese. Non come la nostra. Si perde a vista d’occhio… L’autostrada arrivati alla meta si immette in una specie di tangenziale, dove tutti vanno come dei matti, escono e si immettono a velocità incredibile. Poi ci fai l’abitudine. Quando penso a Parigi, mi viene in mente Ameliè. Cercherei il mio solito alberghetto. Farei due passi per gli Champs Elysee, dall’Arc de Triomphe a place de la Concorde… divorerei le vetrine… Tuileries… A Notre Dame salirei sulla torre per guardare i tetti dall’alto: è una vista diversa rispetto alla Tour Eiffel, perchè sei più vicino alle case e noti di più i dettagli e i colori. Di sera invece è bellissimo salire sulla Tour de Montparnasse, dove sali a velocità supersonica nell’ascensore del grattacielo e dove puoi fare le foto alle auto che passano e lasciano le scie bianche e rosse. Parigi è bella perchè ti viene voglia di fare una quantità enorme di foto, anche se ci vai tutti gli anni, rifai sempre tante foto… e non son mai uguali! A Parigi d’estate, la sera piove quasi sempre. Fa temporale. Perchè di giorno fa molto caldo. Ma non si sta male. C’è una magia nell’aria che ti fa dimenticare anche il caldo. Invece d’estate non vedi i parigini. Tanti sono in vacanza o sommersi dai turisti. Ma nelle mezze stagioni e in inverno, la città si popola dei suoi abitanti e c’è un’eleganza in giro che da noi la vedi solo a Milano. La salita a Montmartre è d’obbligo. Ma se si vuole vedere un luogo vero, lontano dall’eleganza e la ricchezza di una Place Vendome o di Place des Vosges è Bellville… senza macchina fotografica appresso! Ma in assoluto, il posto dove sto meglio è Versailles… e prima di tornare indietro (se proprio si deve…), tanto è lì vicino, un salto nella casa dei miei sogni

 

p.s. vi siete accorti che non ho nemmeno citato lo shopping????

venerdì…

Sarà la ventesima volta oggi che conto prima di scoppiare… 1, 2, 3 , 4, 5… frency, calma, frency…

Oggi mi sono svegliata tutto sommato in fretta, vabbè che ieri sera sono andata via poco dopo le due… poco dopo un mini assaggio del rientro alla Rotonda. Mini ma mi è bastato. Dovrei stare a casa il venerdì per gustarmi la serata… e non è detto che la prossima non lo faccia. Avrei bevuto ancora e avrei ballato ancora… ma ad un certo punto mi è proprio scattato qlcsa che non andava e ancora non capisco cosa. Anche l’ultima volta che sono stata alla Rotonda era andata così. E’ come se poi una strana sensazione mi assalisse, come se non riuscissi ad essere me stessa e desiderassi di scappare altrove… forse ho anche capito. Al Cacao me la cavavo meglio.

Poi sono scesa in garage e ho trovato il classico coglione amico del vicino che pur di non cercare park fuori ha piazzato la sua auto bella bella davanti al box del mio vicino… come se le corsie di manovra fossero sovradimensionate. E mi guardava. Poi mi dice “vuole che la sposti?” la mia risposta, certo poco cortese, è stata: ” non si preoccupi, ho già fatto 40 manovre, a questo punto 41 o 42 non mi cambia la vita, tanto, a questo punto, sono in ritardo” e tra me e me, pensavo… “se mi fai arrivare in ritardo, stronzo, ti emetto una fattura con i fiocchi lunedì… bastardo…” Così si inizia proprio male… parto alle 8.10 e magicamente alle 8.29 e 45 secondi sono sotto l’ufficio… una vera botta di culo e un paio di semafori un po’ rossi!!!

Meno male che a pranzo io e Caterina ci siamo consolate con un po’ di shopping, a dire il vero poco compulsivo. Ma con affare… ci siamo prese due maglioncini uguali, perchè se ne prendevi due il secondo lo pagavi solo 1€… e noi abbiamo il senso degli affari!!

Così sono qui in studio che guardo il pc, tiro due linee, rispondo ad una telefonata un po’ scazzata, leggo la mail, giro tra i blog amici, mi taglio un paio di doppie punte scordate li dalla parrucchiera… e aspetto le 18.30… intanto tento di digerire completamente il kebab del pranzo, sognando quasi una bottiglia di coca…

Poi partenza, Bardonecchia ovviamente… stasera seratina tranquilla e si spera domani di fare un po’ di festa. Con la Lety, la Vale… e gli altri. Che dici Vale… ce la cantiamo: Solitario nella notte và , se lo incontri gran paura fa, il suo volto ha la maschera, Tigre …”

Domani doccia solare, pomeriggio da Vico, e poter dire, cosa hai fatto questo we? Niente!!! Ah, no, già, ho chiamato la donna delle pulizie… perchè io non ne avevo proprio voglia!!

ho sonno….

Oggi ho solo un solo pensiero in testa, e cioè che HO SONNOOO! Anzi due… sono proprio fulminata. Perchè quando si tratta di far festa non mi pongo limiti. Di alcolici e di orari. E invece dovrei… forse non ho più l’età! Ieri sognavo solo di passare la mattina nel letto a dormire e il pomeriggio su un lettino da Vico a prendere il sole, sonnecchiare e fare due chiacchere. E invece ho dovuto tirare fuori un po’ di senso di responsabilità, alzarmi ed andare in agenzia. Da Vico solo per pranzo, ma non l’ho nemmeno apprezzato fino in fondo. Troppo stanca anche per stare al sole. Quindi ombrellone e due chiacchere poco impegnative. Morale della favola avevo (ed ho tutt’ora) due occhi pazzeschi.

Ieri sera poi partire è stata una vera tortura. Alla fine era già buio.  Perchè dopo aver cercato di dare un senso di ordine alla casa che è diventata un vero cesso e ha bisogno di un intervento di urgenza, sono andata ancora a prendermi un caffè al Lalimentari, una chiacchera tira l’altra… alle nove ero in macchina. Gli occhi si chiudevano, gli unici sprazzi di lucidità li ho avuti in galleria e ai caselli. In Torino poi un traffico… ma che farà la gente alle dieci di sera la domenica in giro??? Mi si è anche incastrato il cd – mi sa che “la profumiera compilation” l’ho ascoltata un po’ troppo –  e l’ultimo quarto d’ora ho dovuto sentire la radio… che nervoso. Finestrino rigorosamente abbassato per respirare aria fresca…

Per di più i miei mi hanno abbandonata e hanno deciso di non tornare a Torino. Niente cena.  Ho spiluccato con le mani una vaschetta di crudo di Eataly – una cosina divina – mentre ero al telefono. Poi doccia, cremina idratante nuova e tuffo nel letto… Neanche un attimo ed era di nuovo mattina e grossi problemi ad alzarmi… ho messo tre sveglie sparse per la stanza, in modo che dovessi proprio alzarmi per staccarle… Un traffico senza senso e non mi è rimasto il tempo per la colazione al bar. Almeno ho avuto il tempo per disincastrare il cd… ci mancava solo di rimanere senza macchina per qlche gg. Mi sono fatta una cioccolata in ufficio. BLEAHHHH… E non ho concluso quasi nulla… strano…

E adesso che vorrei dire dormo tutta la settimana, penso che non sarà così, perchè mi aspetta di uscire tutte le sere. Magari salto La Rotonda giovedì… in che stato mi potrei ridurre? Stasera invece vado a Pinerolo a vedere la piccola Elena… , sono diventata “zia” nel we, precisamente venerdì alle 22.31. Sta bene e pesa 3.1 kg…

una sola conclusione… non ci voglio ancora credere di non avere più il fisico… e di essere diventata così noiosa…

 

Estate 2007 # parte 1

Insomma, si ritorna alla normalità. Nanna presto e sveglia presto. Niente vizi, un vago tentativo di recupero della forma fisica standard con un po’ di sport. Niente vino, birra o bibbite, riduzione del numero di sigarette. E si ricomincia, guardardando verso l’inverno… che poi vorrà dire non solo sci, ma Osteria, Clarabella, Tabata…
Stamattina risveglio tragico a fargli un complimento. Non c’era nulla da mangiare per colazione. Salgo in macchina stile fantasma e già mi incazzo per il traffico… e non sono nemmeno iniziate le scuole. E i lavori stradali… mmmmmhh… ma calma francy, calma… alzo l’autoradio e canticchio…
Ieri mattina Roby mi ha scritto: “fa qualcosa ti prego. Chiedimi se andiamo da Vico oppure aperitivo al Sorij”!!! Grande!! bhe mi consolo che nn è tragica solo per me!!
La mia prima estate da single da tanti anni. Che roba strana. Ed è “già” finita. Devo dire che è stata veramente divertente, abbiamo fatto festa praticamente tutte le sere, credo di essere tornata intera a casa solo un paio di volte. Io e Lely… Lely ed io. Alla fine capisci che puoi contare veramente solo su poche persone. E’ impressionante come succceda che quando siamo felici, lo siamo in due, tristi insieme, e se le cose vanno storte, succede ad entrambe. Passare tento tempo insieme e consolidare una bella amicizia. A dispetto di chi non ci vede bene insieme e che è invidioso. Fa ridere ma è così. Che ci fanno passare per le due stronze di turno, che calpestano i sentimenti degli altri e che si fanno un sacco di storie in giro… Che non hanno ancora capito dov’è la nostra testa, che abbiamo degli ideali nel cervellino e che nessuno ce li potrà calpestare. Che non possiamo sopportare quelli che si mettono in mezzo, i paladini della giustizia o avvocati del diavolo, mai consultati, che mettendoci del loro – ribadisco non richiesto –  non possono che peggiorare le cose!
L’altra sera ci ragionavamo su… non ci sono mai andate così tante cose storte come in questo periodo. E tutto ruota intorno ad un qualcuno che parla troppo. Quindi: avvertimento… non sopportiamo i pettegolezzi, non ci piace essere al centro dei discorsi quando non siamo presenti. E non è vero che l’importante è che se ne parli. Non a Bardonecchia.
Fateci fare la nostra vita tranquille. Non chiediamo altro che uscire, fare festa, ballare e parlare con gli amici. Di farci storie in giro non ce ne frega niente. Se poi dovesse capitare ben venga. Ma non le cerchiamo e non vogliamo che ce le cerchino per noi. Non siamo più all’asilo… oki???
Poi, per il resto, direi che è andato tutto bene. Ho dedicato il mio tempo al far niente, visto che non ho fatto nulla in particolare. Non sono nemmeno andata al mare; ma questo è un altro discorso, un errore di valutazione.
Ho investito una buona quantità di soldini in abbigliamento e bigiotteria… che soddisfazione… salvo ricevere l’sms della carta che avevo speso troppo… ooops! Ho mangiato poco a casa, sempre fuori… altra soddisfazione… Bhè, un paio di cene a casa le ho anche organizzate e ho pure cucinato! Così ho avuto modo di ricordarmi che sono ancora capace e che poi in fondo mi piace. Anche se preferisco farmi una cenetta alla Barrica (Oulx), con la mia dolce amica.
Sono stata bene, felice e tranquilla, quasi sempre… bhè tranne quando una delle persone a cui in fondo voglio più bene (ma proprio in fondo!) ha pensato bene di farmi prendere lo spavento del secolo: ti penso e ti mando un bacio… chissà se mi leggi ancora?
Ah, ho anche lavorato… bella esperienza…

E mano a mano che mi verranno in mente aneddoti, ve li racconterò. Baci. Mi siete mancati

Chiuso per ferie!!!

Buone vacanze…

domani è l’ultimo giorno. ma in realtà dopo la consegna di oggi alle 15.00, posso considerare conclusa per la settimana e il mese e anche il mese successivo la mia attività lavorativa… 😉

Chiedo scusa se in questi gg sono stata poco presente, ma credo di non aver mai lavorato tanto. Mando un abbraccio e un bacio affettuoso a tutti quelli che mi leggono tutti i giorni, siete la forza del mio blog. Esiste per voi. I vostri contributi sono sempre un piacere.

Vi saluto fino al 3 settembre… chissà se da oggi a settembre la mia vita cambierà? So solo che le vacanze non iniziano con lo stato d’animo giusto. Eppure le avevo tanto aspettate. Sono un po’ a pezzi…   😦

Che dire… magari farò poco la Profumiera quest’estate e chissà se è vero che chiodo scaccia chiodo???

Bacio a tutti

SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK !!!!!!!!!!!!

P.S. per chi mi vuole venire a trovare la casina di Bardonecchia è sempre aperta per gli amici… salvo sporadiche visite in Costa Azzurra!