Chiuso per ferie!!!

Buone vacanze…

domani è l’ultimo giorno. ma in realtà dopo la consegna di oggi alle 15.00, posso considerare conclusa per la settimana e il mese e anche il mese successivo la mia attività lavorativa… 😉

Chiedo scusa se in questi gg sono stata poco presente, ma credo di non aver mai lavorato tanto. Mando un abbraccio e un bacio affettuoso a tutti quelli che mi leggono tutti i giorni, siete la forza del mio blog. Esiste per voi. I vostri contributi sono sempre un piacere.

Vi saluto fino al 3 settembre… chissà se da oggi a settembre la mia vita cambierà? So solo che le vacanze non iniziano con lo stato d’animo giusto. Eppure le avevo tanto aspettate. Sono un po’ a pezzi…   😦

Che dire… magari farò poco la Profumiera quest’estate e chissà se è vero che chiodo scaccia chiodo???

Bacio a tutti

SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK SMACK !!!!!!!!!!!!

P.S. per chi mi vuole venire a trovare la casina di Bardonecchia è sempre aperta per gli amici… salvo sporadiche visite in Costa Azzurra!

Without a trace…

oggi mi sono svegliata in quello strano stato euforico tipico dell’innamoramento… e non sono innamorata… ah già, forse sono ancora un po’ sversina… Mi sento così libera e felice che il mio primo pensiero è stato di andarmene. Lo so che è un controsenso. Ma vorrei andarmene. Ho anche pensato di andare via senza dire niente a nessuno. E ho cercato anche di immaginarmi la reazione delle persone. I miei… no a loro dovrei dire dove vado, tanto so che manterrebbero il segreto e se non glielo chiedessi non verrebbero a recuperarmi. Al resto della famiglia nulla. Agli altri neppure. Senza traccia. Le mie amiche rimarrebbero un po’ male nel chiamare e trovare sempre il tel staccato. Chiamerebbero a casa. Sarà capace mia mamma di non farsi sgamare? Nemmeno di fronte alle lacrime insistenti di chi so io (smack, ti voglio bene, ma sono proprio dovuta partire). Quei pochi clienti che mi sono conservata inizierebbero a cristonare in tutte le lingue del mondo… “dov’è che ci deve finire quel lavoro”… a quel paese i clienti egocentrici!
Qualche soldo da parte ce l’ho. Mi farei un paio di mesi di vacanza in giro per l’Europa. Poi mi cercherei un lavoro. Forse mi metterei in proprio. Lo spirito da imprenditore ce l’ho ancora! La voglia di fare pure. La testolina non sarebbe più sprecata dietro una scivania. La meta è già in testa, ma non la dico, perchè se mi salta lo schizzo non vorrei che nessuno venisse a cercarmi, per un po’… e non vorrei che nessuno venisse a trovarmi. Che poi a vedere certi occhioni tristi potrei anche commuovermi… Invece voglio diventare ancora più dura e arida di quello che sto diventando. Non vorrei che più niente mi sconvolgesse la vita. Vorrei farmi sconvolgere solo dall’emozione di conoscere gente nuova.
Ore sei del mattino, borsone (bel problema… basterà?? vabbè, carico la macchina e magari mi prendo la 500 prima di partire), autostrada, direzione nord… estero e non dico di più. Telefonata alla mamma “ho varcato il confine”. Sole in piena faccia, spirito libero, cuore pieno di gioia.
il blog? non so, forse lo terrei attivo… un mini cordone ombelicale col passato… ma proprio mini… per i pochi eletti nel mio cuore!

pensieri fluidi

Inizio a scrivere un po’ tipo brainstorming… pensieri a valanga… giornata strana. Un po’ l’attesa del weekend Cuneo-mare. L’idea di stare con i miei il fine settimana è lancinante. L’ultima volta ho passato il 90% del tempo a dormire per non pensare… per non pensare che forse avrei voluto essere a Bardonecchia nella mia bella casina con i miei amici, ma soprattutto con le mie amiche! Non pensare che mi devo trovare una casa a Torino o che forse non la dovrei trovare proprio e che dovrei trasferirmi. Ma dove vorrei trasferirmi? Parigi, pensiero utopico. Momentaneamente a Bardonecchia, forse più realistico. Forse non mi dispiacerebbe nemmeno tanto. Comunque questi due giorni li dedico a me: sole, innanzitutto, in costume tutto il giorno. Forse non vado nemmeno al mare. Me ne sto in giardino a prendere il sole. Correre. Una grigliata domenica. In costume. Correre. Coccolare la micetta. Partire nel pomeriggio domenica, tornare a Torino per vedere i fuochi di San Giovanni con le mie amiche. Parlare un po’ (giusto un po’…). Mi sento strana in questi giorni. È come se non fossi felice e spensierata come sempre. Non provo più nemmeno gioia e piacere ad entrare nei negozi. Se entro non compro nulla, e non è una questione di prezzo. È solo una questione mentale. Qualche pensiero occupa le mie giornate. Le mie notti ancora no, per fortuna. Sono in un locale e non ballo… chiacchiero poco… forse bere qualcosa aiuta i pensieri a scorrere fluidi. Neanche tanto. È brutto farsi vedere dagli altri a pensare. A cosa poi? Non so ancora quale pensiero, ma lo scoprirò. Voglio di più per me, me lo merito. Comportamento ineccepibile in questo periodo. Massima correttezza e lealtà con tutti. L’amicizia in pole position. Nessuna cazzata, neanche col pensiero. Sono pronta per il mio futuro. Forse non tutti l’hanno notato. Forse sono gli altri a non essere pronti. Tanto è ancora da conquistare, se è andato perso. Avrò voglia di lottare? Per un po’ sì, sicuramente, poi non troppo, fossi matta. Tra un po’ mi rimetto in gioco sul serio. Chi c’è, c’è… poi parto, magari per Parigi sul serio. Il tramonto sulla Senna o in cima a Notre Dame ad osservare i tetti che prendono il colore della sera… i piccioni che volano e trovano un posto per la notte. Poi una fuga ad Honfleur a sentire il profumo dell’oceano…

Ma anche no…

Vorrei fare un bilancio di questa fine giornata e mi chiedo... ma perchè oggi tutte le persone con cui ho parlato oggi erano in uno “strano stato d’animo”? Stato che effettivamente condivido. Solo la Fede mi ha appena detto di essersi svegliata col sorriso stamattina. Io sì, l’ho fatto ieri… ieri ero serena e felice. Oggi era già diverso. Non dico che mi sento triste.. triste no, ma strana sì. Uno strano stato di inquietudine mi ha pervaso tutto il giorno; ti sembra tristezza perchè non sai darne un peso, nè un significato. Che roba strana.. io sono sempre stata una persona serena, senza problemi, non mi sono fatta mai condizionare la vita e anche quando ero giù avevo il sorriso sulla bocca!

Posso dire che sto per scoppiare? Sì, perchè io sono fatta così: accumulo,  accumulo, accumulo, accumulo, accumulo, accumulo… e poi SCOPPIO! E confesso che sto di nuovo per scoppiare sul serio.  Il mio problema è che sono abituata ad avere tutto sotto controllo o per lo meno usare grandi doti introspettive.. ma non mi riesce con tutti!  Ci sono persone che si comportano in maniera out da tutti gli schemi, capirli è impossibile perchè sono imperscrutabili… eppure sono lì pronti a condizionarti l’esistenza… E io rispondo MA ANCHE NO!

Seguo un consiglio, non serve essere duri fuori per non star male, non devo cercare di convincere me stessa che tutto vada ok perchè non è vero e allo stato attuale la mia vita non mi piace così tanto… devo prendere la situazione in mano e capire cosa voglio dalla vita e dagli altri,  così: SCATTA IL PIANO “B”! 

Da domani la Profumiera si alzerà col sorriso (perchè si sa che ne è in grado), non rompe più le palle al prossimo con i suoi problemi (che non sono problemi),  si compra quei frivolissimi infradito di Prada stracari e quei bellissimi sandali con zeppa da Bruschi, butta via ancora due soldi nell’ennesima borsa, di Vuitton, che va sempre bene… acetta di uscire con un bravo ragazzo (uno di quei numerosi poveri cristi che di solito non considera nemmeno), ma fa anche una bella donazione al gattile… diciamo che si prende anche un gatto… e poi tanto dovrebbero caricare lo stipendio!!!

Lo so che non è una soluzione, ma sembra di più una FUGA, ma io mi voglio bene e non permetterò mai più a nessuno di approfittarsi di me. 

Ancora un we a Bardonecchia e poi via, mare: Liguria, Costa Azzura, negozi a Montecarlo. Vecchia vita, vecchi giri e vecchie abitutidini, costose ma mentalmente poco impegnative, che non mi sono mai piaciute ma che comportano zero pensieri e poi… va da se tutto il resto! una sigaretta in mano (ma anche no) e un mojito nell’altro… le chiacchere tra amiche.

C’è chi va a… Ibiza!

mappa di ibiza

Siamo di nuovo a lunedì mattina… un altro weekend è passato: solita pioggia, un po’ di noia, un po’ di chiacchere.

E poi… Letizia e Ivan sono partiti per Ibiza!! Mettiamo da parte quel poco di invidia che abbiamo avuto tutti nei loro confronti quando a mezzanotte di sabato li abbiamo visti partire, speriamo che si divertano esageratamente, che bevano mojito a litri e ballino tutta la notte… tutte le notti. La cosa che mi ha fatto più piacere è stato ricevere i loro messaggi, quando sono partiti dall’aeroporto e arrivati… ma anche ieri sera dopo la prima uscita… sapere che sentono la mia mancanza e che mi avrebbero voluta con loro!  E dire che ci sarei andata volentieri… vaf… al lavoro…

Cmnq Fede… ci hanno abbandonati!! Magari la prossima settimana ce ne andiamo a Briançon al Mac Donald’s… un vero ambiente sano!!!

Ieri sono tornata a Torino con Denise e Roby (grazie…) e mi sono fermata con loro all’Ikea… così ho comprato un po’ di cose per la mia bella casetta.

Vorrei concludere questo paragrafo un po’ delirante, giustificato dalle troppo poche ore di sonno, ringraziando un amico con cui ho parlato un po’ negli ultimi due giorni. Pensa che stamattina quando mi sono svegliata mi sono sentita un’altra persona… ho schiacciato il tasto reset e la mia vita ricomincia da oggi, nel senso che non voglio dedicare più nemmeno un minuto a pensare a problemi vecchi, da oggi guardo avanti e vivo la giornata, felice perchè mi circondano persone splendide e molte di loro mi vogliono anche bene! Per loro voglio essere una persona migliore… intanto se ti viene bene di mandarmi qlch sms carino come ieri lo ricevo volentieri ! bacio…

E poi oggi mi ridanno la macchina…